Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

NEWS

PIETRUZZO NOSTRO

PIETRUZZO NOSTRO

Articolo di - Lunedì 15 Luglio 2019

C'è poco da fare: alcune persone la classe se la trovano addosso, quasi fosse una cosa innata, un soprabito da indossare, una caratteristica dell'animo che si possiede dal primo giorno e che si sfoggia per sempre.
Pietro Longo è una di queste persone: ha la classe dentro, naturale, quella dei Campioni.
Sempre educato, sempre elegante, ma non basta: è l'intelligenza a fare la differenza.
Un'intelligenza matura e sorprendente, considerando che si parla di un ragazzotto di appena quindici anni.
E' quell'intelligenza che gli consente di tenere buoni rapporti con tutti, e di essere da tutti ben considerato: dall'avvocato al ragazzino, egli sa rapportarsi con chiunque.
Arriva, saluta, ringrazia, gioca, sorride; non chiede orari di partenza, non chiede di giocare con qualche amico, non sono cose che fanno parte del suo modo di pensare: il Campione gioca con chiunque e a qualunque ora, e se va male non trova scuse.
In prospettiva futura, per il club è l'esempio perfetto di Socio ideale: un bravo ragazzo, un bravo giocatore, un carattere tranquillo, modi rispettosi e concilianti. 
Insomma, "Pietruzzo nostro" negli anni ha conquistato davvero tutti, e ormai è diventato la mascotte del circolo.
Questo spirito di adattamento gli consente poi di ottenere risultati importanti anche fuori casa: al di fuori dalle mure amiche del suo circolo di appartenenza è capace di riportare buoni score anche sui campi più difficili e tecnici di tutta Italia.
L'ultimo esempio è stato il Trofeo giovanile su tre giorni giocato a Montecchia: un primo giro così così per capire il campo, un secondo in crescendo e un terzo stellare: 11 sopra il campo partendo dai battitori bianchi.
Considerando poi che ha sprecato un pò alla 17 (tee shot in acqua nel par 3) e alla 18 (tre putt) il risultato ottenuto sottolinea ancor più la grande prestazione del ragazzo, che gli ha consentito di passare il taglio.
Con questo gioco, con l'età dalla sua parte e con questa classe innata, il futuro per lui nel mondo del golf pare veramente roseo.
Golf Club Trieste